Vedere WORLD WAR Z e accorgerti che:

che gli infetti sono da film per famiglie

che corrono più veloci di Bolt

che gli zombie riescono a fare delle piramidi umane che i villaggi vacanze se le sognano

che un C130 è potuto partire dal ponte di una portaerei (piccola)

che se sei un medico giovane e pirla non devi portare pistole con te

che per scappare devi usare una bicicletta ma poi hai le mani impegnate

che se sei handicappato gli zombie non ti mangiano, sei un po’ come loro?

che Israele è caduta perchè un’araba ha cantato

che le soldatesse Israeliane hanno le palle anche senza una mano

che puoi lanciare una bomba a mano vicino a te e se ti nascondi dietro ad un muretto non ti succede niente oppure se stai buono sul sedile dell’aereo puoi anche sfracellarti

che nella campagna inglese/irlandese non succede mai niente

che se sei italiano hai vissuto l’esperienza più brutta

che iniettarsi un virus da laboratorio: uno vale l’altro, non star li guardare le etichette

che gli zombie sbattono i denti in modo innaturale

che gli zombie adorano la pepsi

che nei laboratori di ricerca non manca mai la corrente, non mangiano e sono molto sospettosi

che forse sarà una trilogia (chi andrà a vederla?)

che con il libro stupendo di max brooks non c’entra una mazza

che se leggete il libro fate una cosa più che giusta e custoditevi il ricordo

che se potete combattere, fatelo!

Annunci

23 pensieri su “Vedere WORLD WAR Z e accorgerti che:

    1. sono troppo affezionato al libro di Max Brooks 😉 e il film bisognerebbe vederlo senza averlo letto.
      cosa che mi è piaciuto? la fotografia, la luce e le location scelte (per una volta hanno evitato piazza san pietro… ho temuto il papa zombie

      Mi piace

    1. Si abbastanza, ma è giusto che sia così! il libro è veramente un Must Have del genere… e in comune col film ha solo il titolo… è un libro illuminante e ti da l’impressione che tutto possa succedere veramente.. ;))))

      Mi piace

  1. E io che non l ho ancora visto….a forza di leggere pareri negativi mi sta passando la voglia…peccato perche’ ci speravo…una cosina tipo il giorno degli zombi…28 giorni dopo…no eh? Complimentissimi per il blog

    Mi piace

  2. Scusa ma non concordo sul fatto che il libro sia stupendo, anche se l’ho sentito dire da molti. Non sono andata oltre la metà perché mi è venuto un coccolone: dovrebbero essere interviste a più persone, e invece il libro è scritto con uno stile tutto uguale e sembra che a narrare i fatti sia una sola persona! Questi personaggi parlano tutti nello stesso modo, non te ne sei accorto? E alla lunga la cosa diventa pallida, anche perché i fatti narrati bene o male si assomigliano tutti… Cioè, che palle! Se mi dici che QUESTO è un must del genere, chissà che merda tutti gli altri! In effetti non ho ancora trovato un romanzo sugli zombie che fosse decente, a parte quello di Richard Matheson (da cui poi è stato tratto “Occhi bianchi sul pianeta Terra”, di cui “Io sono leggenda” è il remake). Penso che il genere dovrebbe limitarsi al cinema, perché è molto difficile metterlo su carta e riuscire a trasmettere qualcosa ai lettori.

    Mi piace

    1. a me è piaciuto, certo non siamo di fronte ad un premio nobel per la letteratura però nel genere è tra i più validi. ci sono un paio di trilogie molto buone: apocalisse Z e Diario di un sopravvissuto agli zombie. per quanto riguarda il cinema dopo romero e fulci non c’è granchè… salvo l’alba degli zombie e per il divertimento di zombieland, shaun of the dead e il cacciatore di zombie oppure frankenstein army e dead snow. è bello quando non si prendono troppo sul serio speriamo nel secondo capitolo di wwz… disney permettendo 😉

      Mi piace

      1. No, certo, non pretendo chissà che da libri di questo genere, ma sia Apocalisse Z che Diario di un sopravvissuto agli zombie li ho trovati pallosi. Mi è piaciuto invece molto quello di Lindqvist, “L’estate dei morti viventi”, che non è horror, ma affronta il virus da un punto di vista molto più psicologico e realistico, cioè le reazioni delle persone nel vedere i propri cari defunti (prima che inizino a diventare pericolosi) risvegliarsi.

        Mi piace

        1. grazie del consiglio, lo cerco e lo divoro.
          anche se la pigna di libri che ho sul comodino stenta a diminuire, ogni settimana aggiungo qualcosa… poi arriva appunto qualche consiglio interessante e gli faccio fare la corsia di sorpasso mettendo in coda gli altri 🙂
          per esempio stavo per iniziare Zona Uno di Colson Whitehead …promette bene.

          ti consiglio però un autore incredibile dissacrante e grottesco Christopher Moore con il suo: Uno stupido angelo. Storia commovente di un Natale di terrore.
          ma è solo uno dei titoli che meritano di essere scoperti (magari lo conosci già – mi sembri più esperta di me 😉 )

          Mi piace

Lascia un Morso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...